Open/Close Menu
IL DIRITTO / IL ROVESCIO L’inesauribile corrente delle parole

Laura Morante

Partecipa alla serata: Fuori e dentro le storie
Inedito: Gli Onironauti

Laura Morante nasce a Santa Fiora, in provincia di Grosseto. Cresciuta con sette fratelli, Laura è la figlia di Marcello Morante, scrittore e giornalista e di Maria Bona Palazzeschi.

Esordisce giovanissima, a teatro, con Carmelo Bene. Il suo debutto cinematografico risale al 1980, con il film di Giuseppe Bertolucci Oggetti smarriti. L’anno successivo gira,a fianco di Ugo Tognazzi, La tragedia di un uomo ridicolo, per la regia di Bernardo Bertolucci. Allo stesso anno risale anche l’avvio della collaborazione con Nanni Moretti con cui girerà  Sogni d’oro (1981), Bianca (1984) e, molti anni più tardi, La stanza del figlio (2001).

Verso la metà degli anni ottanta si trasferisce a Parigi dove partecipa a numerose produzioni televisive e cinematografiche continuando però a lavorare anche per registi e produzioni italiane.

Nel 1988 è protagonista del film I ragazzi di via Panisperna (regia di Gianni Amelio) e due anni più tardi interpreta Vittoria, al fianco di Diego Abatantuono e Fabrizio Bentivoglio in Turné di Salvatores.

Con Virzì,nel film Ferie d’agosto, dimostra di non essere tagliata solo per ruoli drammatici.

Nel 2001 interpreta la madre di Andrea, il ragazzo protagonista de La stanza del figlio, ruolo grazie al quale si aggiudica il David di Donatello per la migliore attrice protagonista. Nel 2002 interpreta la scrittrice Sibilla Aleramo in Un viaggio chiamato amore, assieme a Stefano Accorsi nel ruolo del suo amante Dino Campana. Nel 2003 è Giulia, moglie tradita, madre frustrata e attrice senza grosso talento nel film di Gabriele Muccino Ricordati di me. Pupi Avati la sceglie come unica protagonista del suo nuovo film dalle ambientazioni gotiche Il nascondiglio.  Nel 2009 ha ricevuto il Premio Federico Fellini 8 1/2 per l’eccellenza artistica al Bif&st di Bari. Nel 2010 torna a lavorare con Pupi Avati nel film Il figlio più piccolo. Nel 2012 il suo esordio come regista con Ciliegine, un film commedia italo-francese, opera prima, presentato in anteprima al Bif&st.

Nel 2016 è sempre alla regia del film commedia Assolo da lei scritto, diretto e inerpretato

Nel 2018 debutta come scrittrice con il romanzo edito dalla Nave di Teseo Brividi immorali. Racconti e interludi.

 

Bibliografia

Brividi immorali. Racconti e interludi La nave di Teseo, 2018

© 2018 LETTERATURE.Festival Internazionale di Roma
Top